Ci stiamo concentrando spesso su come la formulazione, il contesto e i pregiudizi possano costituire disinformazione e fuorviare. Il 25 settembre, un articolo del quotidiano The Guardian ha rivelato come il governo cinese stia usando la popolare piattaforma di social media per la condivisione di video “TikTok” per promuovere i propri interessi politici, attraverso una censura mirata e regole vaghe. All’inizio di quest’anno TikTok ha raggiunto il traguardo di 1 miliardo di download in tutto il mondo.

Anche se dietro TikTok c’è una società privata, il partito comunista cinese al potere non ha problemi a imporre con forza la censura o a intervenire nelle operazioni dei media e di internet. A quanto si dice, la piattaforma è stata monitorata con grande attenzione e privata di qualsiasi contenuto che contenga anche solo un accenno ai disordini di massa in corso a Hong Kong.

Ciò che colpisce qui, e che interessa De Facto, è come i censori si intromettano cancellando gli eventi e facendoli sparire dai media: ironia della sorte, gli obiettivi della propaganda e della disinformazione non si raggiungono producendo, ma sopprimendo l’informazione. E dobbiamo mantenere viva la consapevolezza che mentre tradizionalmente colleghiamo la disinformazione a una particolare informazione, sia su un supporto fisico che virtuale, la disinformazione può essere altrettanto potente con la sua astensione.

In un contesto più ampio e con l’esame da parte degli addetti ai lavori dei casi studio di De Facto, attualmente in fase di sviluppo, un elemento molto potente che potrebbe influenzare le nostre opinioni è l’assenza di risorse informative che descrivano un fatto o sostengano un particolare punto di vista. Questo ci ricorda anche il dibattito sull’opportunità di impegnarsi con i troll su Internet o di ignorarli – mentre i troll si nutrono (sia letteralmente che in senso figurato) di persone che interagiscono con loro, ignorarli del tutto porta alla percezione che, poiché le loro affermazioni non sono contrastate, c’è un consenso su di loro o una mancanza di argomenti contro di loro.